crespelle e frittatine salate, merende, zucca

Beignets alla zucca, vaniglia e cannella


Beignets di zucca


Version française de la recette en bas

Ma insomma non é proprio possibile riuscire a tutelarci da queste ignobilerie, non so con quali altre parole definire, i continui furti di ricette e foto a scopi poi anche di lucro?….Ultime quelle di Adriano con la sua Crostata di mele e mandorle ( che tra l’altro io quella puntata li’ l’ho vista), di Lydia e la sua Caprese al cioccolato bianco e ancora Artemiasia con la sua Madama Alticcia…Bhe se non c’é altro modo segnaliamoli il più che possiamo e facciamo in modo che queste persone vengano finalmente spublicate!!!

E veniamo alla terza ricetta con la zucca e poi…e poi ancora un’altra forse!!! non voglio neanche tanto stancarvi ma devo dire che quest’ortaggio é cosi’ versatile che si possono fare davvero molte pietanze dal dolce al salto come dimostrano questi beignet soffici e davvero golosi che si mangiano uno dietro l’altro appena fatti, caldi e fragranti e profumati con tanta cannella e zucchero. Un segreto francese?….queste frittelline di chiamano “pets de nonnes”, intraducibile, cioé, non me lo chiedete perché non posso scriverne la traduzione cosi’ pubblicamente mentre i francesi non si fanno tanti problemi a soprannominarli cosi’ :(…che non é poi molto indicato come nome perché il loro profumo é eccezzionale specialmente se nell’impasto di aggiunge la vaniglia come ho fatto io.

Beignets alla zucca



Beignets alla zucca
(Ricetta tratta dalla rivista Elle à table da me rivisitata)
500 g di zucca
100 g di burro
1 limone non trattato
300 g di farina con lievito incorporato
50 cl di acqua
7 uova
2 cucchiai di zucchero semolato
1/2 stecca di vaniglia
Olio d’arachidi per friggere
cannella in polvere
zucchero a velo

Fate cuocere a vapore la zucca. Schiacciarla con la forchetta e metterla in una garza pulita. Spremerla il più possibile per togliere tutta l’acqua. Mettere da parte circa 100 g di polpa.
In un pentolino versare 50 cl di acqua, il burro ,la scorza del limone e la stecca della vaniglia tagliata in due. Fate bollire. Aggiungete lo zucchero, mescolate e  lasciate riposare per intiepidire , togliete la scorza del limone e la stecca della vaniglia ed incorporate la farina con il lievito, ben setacciati. Aggiungere le uova, uno per uno, mescolando bene ogni volta. Aggiungere la polpa della zucca e lasciate riposare per 30 minuti.
Scaldate l’olio à 170°,in una larga padella e con due cucchiai prelevate della pasta lasciandola cadere delicatamente nell’olio caldo. Appena risalgono sulla superficie e sono ben dorati, toglieteli, posandoli su carta assorbente. Teneteli al caldo coperti fino a che siano tutti pronti. Spolverateli ora di zucchero a velo e cannella e….mangiateli caldi.

Nota: secondo la taglia delle uova e la consistenza della zucca la pasta puo’ essere più o meno liquida. Se questo avviene rettificarla aggiungendo della farina per ottenere una pasta molla ma non liquida.

Version française

Beignets alla zucca

Beignets au potiron
(recette prise sur Elle à table et adapté par moi mêmes)

500 g de potiron
100 g de beurre
1 citron non traité
300 g de farine avec levure
7 oeufs
50 cl d’eau
2 c à s de sucre semoule
1/2 gousse de vanille
Huile d’arachide
cannelle en poudre
sucre glace

Fates cuire le potiron à la vapeur. Ecrasez-le à la fourchette et pressez-le dans un linge fin et propre pour éliminer le plus d’eau possible. Réservez 100 g de chair de potiron. Dans un petite casserole mettez l’eau, le beurre,le zeste du citron et la gousse de vanille fendu. Portez à ebuillition. Ensuite ajoutez le sucre semoule, mélangez et laissez tièdir. Ôtez les zestes du citron et la gousse de vanille. Incorporez petit à petit la farina à la levure tamisée. Ajoutez un à un les oeufs, puis la chair de potiron pour obtenir une pâte mollette. Laissez réposer 30 min.
Faites chauffer l’huile à 170°. En vous aidant de deux cuilléres à soupe, faites tomber dans l’huile de grosse noix de pâte. Lorsqu’elles remontent et sont bien dorées, sortez-les avec une écumoire et posez-les sur une assiette cuoverte de papier absorbant. Poudrez les beignets de sucre glace et de cannelle en poudre. Dovorez-les chaudes.

Note: Selon la taille des oeufs et la qualité de la chair du potiron, la pâte à beignets serà plus o moins liquide. Rectifiez-la en ajoutant de la farine  pour obtenir une pâte molle mais pas trop liquide.

Standard

26 risposte a "Beignets alla zucca, vaniglia e cannella"

  1. Irmaladolce ha detto:

    Mi ci tuffo anch’io…Ho conosciuto oggi il tuo blog. Complimenti davvero!!
    Se ti va puoi “passare da me”…ma sono molto all’inizio….Ciao

    "Mi piace"

  2. Mi ci tufferei in questa morbidezza e l'idea mi piace da morire, i beignet sorpresa. Puoi continuare tranquillamente, scopro sempre nuove cose con la zucca :-)Gros bisous e buona giornata!

    "Mi piace"

  3. E' un vero schifo….sarebbe anche carino che qualcuno dicesse "ricetta presa da….". Voglione fare tutti i primi della classe.la tua ricetta è da triplo sbav…Mari, ci siamo perse un pò di vista…mannaggia!

    "Mi piace"

  4. Quest'anno ho provato a declinare in dolce per la prima volta la zucca ed è stata una piacevole sorpresa.Questi beignets sono leggerissimi e dè meraviglioso il cremoso cuore "zuccoso" :))

    "Mi piace"

  5. Cara, io conosco queste frittelline, anzi, il nome, ma in versione salata, con il formaggio ) e non ho mai pensato alla traduzione!)… Adoro la loro consistenza, sono sicura che adorerò anche la tua versione con la zucca!Un bacione!

    "Mi piace"

  6. I francesi sanno essere dissacranti a volte: con la grazia e la musicalità della loro lingua sparano certe parole di un pesante!!! Con molta grazia però :))Da mangiare uno dopo l'altro questi beignets, davvero! Un bacio :))

    "Mi piace"

  7. Mariluna cara, ti sei data alla zucca! Del resto non c'è periodo più appropriato di questo per cucinarla ;). Questi beignets sono fantastici, poi io adoro i dolci fritti! Io il mio viaggetto a Parigi lo tengo nel cassetto spero di venirti a trovare un giorno. Baci a presto

    "Mi piace"

  8. devono essere buonissimi,ma questa volta devo passare,non posso fare ricette con troppo burro,uova e men che meno fritti…..ahimè!!!!mi accontento delle foto bellissime!! uffff…

    "Mi piace"

  9. @Alex: infatti é successo proprio cosi', uno dopo l'altro sono finiti caldissimi in bocca. Grazie!@Marina: Pas de probleme!!! Carissima capisco e sento la tua stanchezza. grazie mille e buona notte :)***@Gemelline: mille grazie ^____^

    "Mi piace"

  10. Chère Mariluna,Ce soir, trop fatiguée pour essayer d'ecrire en italien, les mots ne viennent pas…mais je ne peux résister à ces magnifiques beignets!!! (avec la méthode des pommes dauphine)..Effectivement, le nom français n'a rien de très poétique ni respectueux ;)à part cela, il faut absolument que je les fasse un de ces jours!!!Bisous :))

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.