conserve

Confit di pere alla vaniglia e marrons glacés


Confit di pere alla vaniglia e marrons glacés
Version française de la recette en bas

Prima di mettervi a fare questa ricetta, se vi tenta  cosi’ come é successo a me, é meglio che vi chiarisca un punto particolare nella sua esecuzione e, già solo a citarne l’autrice, Christine Ferber che dovrebbe essere una garanzia della sua riuscita  invece, un punto debole io l’ho riscontrato. …L’ho vista su una rivista ricca di ricette natalizie “Régal” di questo mese e mi sono premunita di tutto per farla, sfruttando anche l’idea di regalare questo confit proprio durante le prossime feste. La ricetta prevede un tempo di macerazione della frutta di 15 minuti ed un tempo di cottura breve, in totale 20 min circa che in realtà per me  é stato insufficiente a far raggiungere alla frutta la giusta consistenza caramellata che si vede dalla foto sulla rivista ed, ovviamente a quella che io immagino debba essere: cioé, la consistenza delle marmellate, fluida ma mielosa e con i pezzetti di frutta lucidi e quasi canditi.

Inutile dirvi che il sapore di questa confettura é straordinariamente delizioso, mentre la preparavo non mi sono scoraggiata per i minuti che passavano in piu’ e “lei” era sempre troppo liquida, piuttosto il tempo grigio e uggioso ma dolce, mi deprimeva ancora di più, pensando a quando l’avrei fotografata senza un raggio di sole per far brillare i pezzetti di pera traslucidi e far risaltare il suo colore caldo che mano mano prendeva sempre più forma, raggiungendo la consistenza del caramello. In totale la cottura di questa confettura é stata di 40 min circa.
Ottima come accompagnamento di formaggi caprini, ma nulla ci impedisce di mangiarla semplicemente su una fetta di pane  o aggiunta nello yogurt.

Confit di pere alla vaniglia e ai marrons glacés
800 g di pere Williams mature ma ben sode
10 marrons glaces
200 g di zucchero
1/2 limone
2 bacche di vaniglia ( io ne ho messa una)
10 cl di aceto di cidro
10 cl di vino bianco ( Gewrztraminer)
200 g di miele d’acacia
3 grani di pepe nero schiacciati 1/2 cucchino di pepe di Damas

Tagliare le pere in quattro. Togliese i semini e sbucciarle. Tagliarle a dadini e metterle in una ciotola con il succo di mezzo limone, lo zucchero ed il pepe. Mescolare ,coprire e lasciare macerare per 15 min. Versare l’aceto di cidro, il vino ed il miele in una pentola a fondo spesso. Potare ad ebollizione e ridurre della metà, circa 10 min. Aggiungere le pere con tutto il succo e la vaniglia. Portare a bolllore e cuocere 5 minuti 30 minuti. Mescolare di tanto in tanto e schiumare. Aggiungere i marrons glacés ed alzare la fiamma, far cuocere per 5 minuti, mescolando. Versare la confettura nei vasetti sterilizzati, chiudere ermeticamente e capovolgere lasciandoli raffreddare completamente. Conservare in frigo.

Version française

Confit di pere alla vaniglia e marrons glacés

Confit de poires à la vanille et aux marrons glacés
800 g de poires Williams mûres mais fermes
10 marrons glacés
1/2 citron
2 gousses de vanille( pour moi 1 gousse)
10 cl de vinaigre de cidre
10 cl de vin blanc ( Gewurztraminer)
200 g de sucre cristal
100 g de miel d’acacia
1/2 càc de poivre de Damas
Coupez les poires en quartiers, Ôtez le coeur et les pépins puis pelez-les. Coupez-les en petits dés.Mettez-les dans une jatte avec le jus du demi-citron, le sucre et le poivre. Mélanges. Couvrez er laissez macérer 15 min.
Versez le vinaigre, le vin et le miel  dans une bassine à confiture ou dans une cocotte. Portez à frémissements. Laissez réduire de moitiè (environ 10 min). Ajoutez lel dés de poires avec leur macération et les gousse de vanille. Portez à ébullition. Faites cuire 5 min 30 min, en remuant souvent. Ecumez. Ajoutez les marrons glacés, montez le feu et continuez pendant 5 min. Répartissez le confit dans des pot sterilisés. Vissez les couvercle puis retorunez les pots jusqu’à refroidissement. Conservez au réfrigérateur.

Standard

25 risposte a "Confit di pere alla vaniglia e marrons glacés"

  1. Quest'estate ho preparato la confettura di fichi, seguendo il metodo Ferber, ma neanche io non mi sono ritrovata nei tempi indicati: devo però ammettere che ho diminuito le dosi di zucchero e che ho usato fichi fioroni, più acquosi dei fichi veri e propri ……Questo confit è delizioso e al foto ne mostra tutta al lucentezza :))

    "Mi piace"

  2. @Vaniglia: sapessi quanti ne metto da parte io!!! poi alla fine finisco per comprarne di nuovi é una mania quella di conservare e di comprare poi noi donne siamo brave per questo! credo che uno di questi giorni la dispensa mi cadrà addosso, mio marito me lo dice sempre! " prima o poi!!!!".Buona serata carissima!ahhh, se vieni ricordati il panettoncino eh!

    "Mi piace"

  3. @Fiordivaniglia: allora io l'ho messa in vasetti di vetro quelli della bormioli , piccoli e sfiziosi, tieni conto che questa confettura và consumata proprio durante le feste, quindi anche se é un vasetto carinissimo e magari non troppo "ermetico" va bene uguale, basta tenere il confit in frigo.Per il contest c'é tempo dino al 10 gennaio hai tempo mia cara e grazie mille della tua presenza a casa mia:)))

    "Mi piace"

  4. credo che i tempi di cottura vengano spesso "accorciati" per rendere le ricette più attraenti! visto che sappiamo bene quanto una persona normale ai gg d'oggi abbia si e no .. un paio di ore di tempo libero al giorno!? 😉 a parte gli scherzi.. OTTIMO regal..izio! 😀 regalo natalizio ;P bello bello bello, sul serio mi piace tanto! Mi consigli come poterlo regalare? In ciotoline di plastica (quelle che si comperano apposta negli ingrossi per i negozianti) con chiusura con coperchietto altrettanto in plastica o meglio un vasettino in vetro? Questa rictta non mi scappa, credimi. Se faccio in tempo vorrei partecipare alla tua raccolta dell'olio… proprio con … l'olio extravergine alla vaniglia! :DOra dopo aver fatto e pubblicato il panettone mi sono tolta un peso enorme ahahah un bacione Maril!!

    "Mi piace"

  5. @cavoliamerenda: grazie mille per la svista…si lo zucchero é zucchero semolato…e per quanto riguarda la zucca, certo un'ottima idea mi sà che ci provo anch'io…se viene bene é un'altra idea regalo sfiziosa…ma anche le mele cotogne che sono più sode e più acide…penso che l'effetto sarebbe ancora migliore perché contengono meno acqua e dunque meno tempo di cottura é da provare anche con altra frutta certo!!! Grazie:)Tutte: grazie infinite a tutte:)

    "Mi piace"

  6. Che voglia assoluta di provarla! Di solito allungando la macerazione la cottura si riduce, quando la faccio provo così e ti faccio sapere (mi stanno per arrivare le bacche di vaniglia, evviva!!!)Secondo te si uò fare anche con un'altro frutto? (per esempio io ci metterei volentieri la zucca…)PS: nella ricetta in italiano non c'è lo zucchero, sucre cristal vuol dire semolato o in cristalli?

    "Mi piace"

  7. Innanzitutto complimenti, per l'ottima riuscita e per non esserti abbattuta, poi grazie, perchè i tuoi appunti riguardanti la ricetta saranno utilissimi. Mi è capitato più e più (troppe forse) volte di dover correggere alla meno peggio preparazioni di grandi (o presunti tali) nomi.Il buon senso aiuta, se arrivi tu con la tua esperienza si va ad occhi chiusi :)Buona giornata,wenny

    "Mi piace"

  8. Mi hai battuta sul tempo 😉 Fatta anch'io seppur (per scelta) senza vaniglia né marrons glacés,insomma più rustica e più adatta ai formaggi che al foie gras. Ho usato pere martine sia per il sapore che per la consistenza e dovuto, ovviamente, allungare i tempi. La versione proposta da Régal mi sembra un felice matrimonio di diverse ricette di Christine Ferber, il suo confit Poires/Marrons glacés (che non prevede vino e aceto) e altre che ne fanno uso. Il colore è comunque bellissimo e il sapore adeguato. Confermo che con il pepe rose viene benissimo. Ciao. Kat

    "Mi piace"

  9. Allora non sono l'unica a non trovarsi bene con le ricette della Ferber! Anche secondo me prevedono sempre un tempo di cottura troppo breve, a stare dietro a lei invaseresti sciroppi anziché marmellate!!! Ma dalle foto, perfette malagrado la luce crepuscolare che lamenti, sembra tu sia riuscita a ovviare benissimo a questa imprecisione, questa composta ha un colore ambrato che ispira molta dolcezza. NB: come sta la gattina?

    "Mi piace"

  10. @Cibou…ne sono certa a questo punto perché le pere, forse, le mie, erano un tantino più mature di quelle che lei indica nelle sue ricette, lei sceglie con cura la sua frutta magari raccolta dall'albero che non c'é stata ancora nessuna "trasformazione", tipo trasporto, celle frigo e altri tipi di conservazione…magari avessi un'albero!!! cmq…la ricetta é riuscita ed ogn'uno poi si puo' regolare di conseguenza. Baci carissima Elvira!!!

    "Mi piace"

  11. Pat, posso fare un commento malevolo (non diretto alla povera Christine, forse davvero ha usato una qualità di pere meno acquosa, ma in genere): credo che nelle ricette si tenda a "tagliare" i tempi di cottura e di preparazione, perchè una ricetta buona fa ancora più gola se è veloce da preparare, che poi è quello che vogliamo quasi tutte, almeno la maggior parte delle volte.Cmq, il calore della tua frutta caramellata ci è arrivato lo stesso, e pure la voglia di farle! Un bacio grande *

    "Mi piace"

  12. Mannaggia aChristine! Strano però, perchè di solito lei fa candire fin troppo la frutta pure quando si devono fare semplicemente delle marmellate…Anyway, hai fatto davvero un bel lavorino…dev'essere goduriosissima!

    "Mi piace"

Rispondi a lenny Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.