primi piatti

Curry verde di gamberi al cocco

Curry verde di gamberi

Version française de la recette en bas

Voglia di gustare nuovi sapori nel piatto, voglia di un pizzico di originalità per  accogliere anche nelle pietanze la primavera. Questo é un piatto Thaï molto delicato  che riscalda i sensi, a base di pasta di curry verde, finalmente cercata e trovata nel vicino centro commerciale. Non ci sono altri ingredienti difficili da reperire, forse é uno dei più semplici da realizzare tra quelli che di solito si leggono sulle riviste, con salse e  spezie di altri mondi, non sempre a portata di  tutti.

La parola “curry” indica sia una mix di tantissime spezie selezionate, sia un piatto , una pietanza, preparato utilizzando la pasta di curry ,verde, in questo caso ma anche  rossa o gialla. Appunto in Thaïlandia il curry viene utilizzato sottoforma  di pasta. E’ un mix di spezie, d’erbe e di peperoncino cotti con dell’olio e dell’aceto che si conserva più mesi in frigo. La pasta rossa é a base di peperoncino secco mentre quella verde é a base di peperoncino fresco, dunque più speziata che per essere addolcita viene mescolata con tanto latte di cocco.
Curry verde di gamberi

Curry verde di gamberi al cocco
Ricetta apparsa sulla rivista Saveurs maggio/09 e rivisitata da me
per 4 persone

24 gamberi sgusciati
2 cucchiai di olio neutro (arachidi o altro di vostra preferenza)
2 cucchiai di pasta di curry verde thaï
50 cl di latte di cocco
5 rametti di coriadolo
50 g di noce di cocco fresca
il succo e la buccia di mezzo limone verde (Lime)
sale e pepe
Fate scaldare l’olio in un larga padella. Aggiungere i gamberi e farli insaporire per 2 mn di ogni lato, fino a farli colorare. Salare e pepare.
Togliere i gamberi dalla padella e riservarli. Aggiungere la pasta di curry verde nella padella e mescolate per farla sciogliere 3 mn. Versare il latte di cocco e lasciare cuocere per 5 mn. a fuoco dolce fino a che la salsa si addensa. Grattugiare la noce di cocco fresco e tritare il coriandolo e aggiungere il tutto nella salsa insieme al succo del limone lime. Mescolare. Aggiungere i gamberi facendo riscaldare il tutto per 3 mn. Servire il piatto con del riso in bianco e una grattugiatina di lime.

Version française

Curry verde di gamberi
Curry vert de crevettes à la noix de coco

recette prise sur Saveurs Mai/09 et adapté par moi même
4 personnes
24 grosse crevettes crues décortiquées
2 c à s d’huile neutre
2 c à s de pâte de curry vert thaï
50 cl de lait de coco
5 brins de coriandre
50 g de noix de coco fraiche
le jus et le zeste d’un demi citron vert
sel,poivre noire

Faites chauffer l’huile dans une sauteuse. Ajoutez les crevettes et faites-les revenir pendant 2 min de chaque côté, jusqu’à ce qu’elles soient colorées. Salez et poivrez. Retirez les crevettes de la sauteuse et réservez. Ajoutez la pâte de curry vert dans la sauteuse et faites revenir pendant 3 mn. Versez le lait de coco et laissez mijoter pendant 5 mn sur feu doux, jusqu’à ce que la sauce épaississe.
Râpez la noix de coco fraîche, hachez la coriandre et ajoutez le tout au curry ainsi que le jus de citron vert. Mélangez. Ajoutez les crevettes et faites réchauffer pendant 3 mn.
Servez avec les zeste râpes du citron vert et du riz nature.

Standard
dessert di frutta

Verrine di fragole con olio al mandarino e crumble di colomba

 Verrine di fragole con crumble
Version française de la recette an bas

Non so’ perché ma qui le colombe non arrivano, non ci sono colombe pasquali nei super centri commerciali dalle mie parti, prima di Pasqua. Appena passata la Pasqua a valanghe sono sistemate in bella vista nei reparti dei dolci, invitano all’acquisto, quasi obbligato, perché se non ne prendi almeno tre, non puoi passare all’altro reparto. Mi dico: perché non ci pensano prima?
…stessa cosa per i panettoni a Natale, infatti qui si vendono ancora i panettoni  almeno per altri tre o quattro mesi, prima di Natale, neanche l’ombra.
Per poter avere una colomba pasquale ogni anno devo sperare che venga qualcuno dall’Italia ,  appunto mio fratello, arrivato da poco con il volo “low cost”, gliela avrebbero buttata nella pattumiera, per cui niente colomba a casa mia. Ma , finalmente , un pezzo l’ho trovato, c’ha pensato mia suocera a mandarmene una metà della sua, inviatale fresca fresca dall’Italia, dopo averne “strappato” un pezzettino dalla mani dei miei figli che divorano (come io facevo da piccola) la parte mandorlata, sono riuscita a farne delle verrine sfiziosi e facili, per l’irrinunciabile dessert del sabato pomeriggio. Percio’ eccovi freschissimo appena fotografato e mangiato subito dopo, questo dessert che partecipa al contest di Pasqua di  Babs e Genny con la collaborazione dei prodotti Loison

banner colomba (1)_thumb[3] Gentilmente consessa da Babs e Genny scopo contest Pasqua
che scade domani , 28 marzo a mezzanotte.
Verrine di fragole all’olio profumato al mandarino e crumble di colombe
Per 4 persone 
300 g di fragole 
50 cl di panna fresca 
25 g di zucchero a velo 
1 cucchiaino da caffé di olio d’oliva al mandarino ( in sostituzione un olio evo fruttato)
4 cucchiai di liquore mandarinetto
Per il crumble
2 fette di colomba mandorlata (60g) sbriciolata
20 g di burro leggermente morbido
4 cucchiai di farina di mandorle
Peparare il crumble: mescolare gli ingredienti insieme, formando delle briciole con la punta delle dita. Disporre le briciole su di un foglio di carta forno e passarlo in forno riscaldato a 180° per circa 10 minuti, finché sia dorata, fare attenzione gli ultimi minuti.Lasciare raffreddare completamente
Versare l’olio evo in un pentolino e riscaldatelo appena. Aggiungete le fragole lavate e a pezzi grossi e mescolatele bene nell’olio continuando a mantenere la temperatura bassa per un minuto. Aggiungete i 4 cucchiai di mandarinetto, mescolate delicatamente , ancora qualche minuto e spegnere il fuoco.
Versare  la panna fredda in una ciotola , aggiungere lo zucchero a velo e montare a chantilly.Lasciarla riposare in frigo per mezzora.
Preparare i bicchierini: sul fondo mettere una parte di fragole e un po’ di crumble, versare un cucchiaio di panna montata, terminare con ancora delle fragole , panna ed infine il crumble. Servire decorando con pezzetti di fragole.
Version française
Verrine di fragole con olio al mandarino, mandarinetto e crumble
Verrines de fraises à l’huile à la mandarine et crumble
Pour 4 personnes
300 g de fraises 
50 cl de crème liquide réfrigérée
25 g de sucre glace 
1 c à  café d’huile d’olive aromatisée à la mandarine
 4 c à soupe de liqueur mandarinetto (liqueur italien à la mandarine)
Pour le crumble
2 tranche de brioche (60g) “Colomba mandorlata” ( brioche italienne de Pâques)
20 g de beurre ramoli
4 c à s de farine d’amande
Préparez le crumble, malaxez tous les ingrédients afin d’obtenir une pâte grumeleuse. Emiettez cette pâte sur une plaque recouverte de papier cuisson et cuire à 180°C pendant 10 minutes environ ,la pâte doit dorer, faire attention. Laisser refroidir.
Chauffez l’huile dans une poêle. Saisissez les fraises 1 minute dans l’huile chaude, puis déglacez-les avec le liqueur à la mandarine. mélangez délicatement, laissez légèrement réduire et stoppez le feu. 
Versez la crème froide dans une saladier, ajoutez le sucre glace et montez-la en chantilly. Laissez reposer 30 minute au réfrigérateur.
Préparez les verrines: Répartissez 3/4 des fraises, concassez le crumble, versez équitablement la crème chantilly dans les verrines, nappez avec le reste de fraises, chantilly, ajoutez du crumble et décorez avec de morceaux de fraises. Servir immédiatement.
Standard
conserve

L’aglio inVaso di vaniglia

Aglio confit alla vaniglia

Version française de la recette en bas

Prefazione:
L’aglio, non scaccia vampiri o streghe ma è pieno di tante altre buone qualità, tra cui la capacità di contribuire a controllare il colesterolo e ridurre la pressione arteriosa. Gli antichi conoscevano bene le caratteristiche dell’aglio, anche se è un prodotto che ha sempre riscosso un misto di odio-amore: detestato per il pessimo alito che lascia, amato per il sapore che conferisce ai cibi e per le doti curative.

Il mio piccolo Vittorio da qualche mese soffre di insonnia, per un bambino di 8 anni é un po’ strano, con tutte le energie sprecate durante  la giornata, a scuola , a casa, i compiti, le lotte con il fratello maggiore, la psp e le risate con i Simpson ,dovrebbero stancarlo da farlo addormentare come un sasso. Eppure é da qualche mese che  non riesce a prendere sonno e se questo avviene , durante la notte, in piena notte, si sveglia e senza far rumore, si avvicina  nella nostra camera accostandosi al mio fianco, in piedi ,silenzioso, al buio. Nel percepire la sua presenza, ( noi mamme percepiamo, mentre di fianco russano) il suo affannoso respiro e facendo fatica ad aprire gli occhi , quel decimo di secondo prima di realizzare che si tratta di lui…sussulto con un balzo la testa dal cuscino, di paura..  “e tu che ci fai qui a quest’ora della notte?”….due tre, quattro notti di seguito fino a arrivare a contare le  settimane, di calci e pugni presi nel letto ( no so’ perché i bimbi quando dormono fanno a pugni e tirano calci). La cosa ci ha molto preoccupati. Mille domande, poche risposte fino a che una notte scoppia a piangere….e ,finalmente ci svela, singhiozzando, le ragioni delle sue ( e nostre) notti insonni.
Alcune compagne di scuola, durante l’ora della mensa ,gli hanno raccontato di spiriti e bambole cattive,senza occhi e senza capelli e mostri di ogni genere se ne vanno a spasso la notte, nelle camere dei bimbini…per far loro paura..e trasportarli in chissà quale luogo ombroso…Prendiamo atto di cio’ e tentiamo  con qualsiasi mezzo di persuasione di rasserenare il suo animo e  di ritrovare pace anche nel nostro talamo nuziale.
L’aglio, dicevo, non scaccia vampiri o streghe , o forse si ?
Aglio confit alla vaniglia
Ricetta tratta da libro “ Lezioni di seduzione” ed. Tana
Per un boccale
8 spicchi d’aglio ( i più grossi)
25 cl d’olio d’oliva circa
2 bacche di vaniglia
1 cucchiaino di pepe nero in grani
1/2 cucchiaino di semi di senape ( in sostituzione grani di coriandolo)
1 peperoncino dolce o a piacere ( meglio) piccante

Riscaldare l’olio con tutti gli aroma ad una temperatura bassa portarlo a legerissimo bollore, appena vedrete le piccole bollicine, abbassare la fiamma al minimo e immergervi gli spicchi d’aglio in camicia. Lasciare a questa temperatura per un’ora facendo attenzione, perché l’olio non deve assolutamente bollire. Togliere dal fuoco e versare in un vaso sterilizzato, l’olio deve coprire completamente l’aglio. Chiudere subito e girare e farlo raffreddare completamente. Si conserva a temperatura ambiente per più mesi. Aperto conservare nel frigo.

Version française
Aglio confit alla vaniglia

Ail confit à la vanille

Recette prise sur le livre “Leçons de séduction” Tana Ed.
pour un bocal
8 gousses d’ail
25 cl d’huile d’olive environ (de quoi remplir un bocal à ras bord avec les gousses immergées)
2 gousses de vanille
1 c à c de poivre noir en grains
1/2 c à c de graines de moutarde
1 piment rouge
Chauffer l’huile avec tous les aromates dans une casserole. Lorsqu’elle frissonne, baisser le feu et immerger l’ail sans l’éplucher. Laisser confire pendant 1 heure à faible température en évitant toute ébullition. Retirer du feu et mettre en bocal en veillant à ce qu’il soit rempli à ras bord. Visser immédiatement le couvercle et retourner le pot le temps qu’il refroidisse.  Il se conserve pendant plusieurs mois à température ambiante. Lors de l’ouverture, réserver au frais.

Standard